Oboe

L'oboe è uno strumento musicale a fiato ad ancia doppia appartenente al gruppo dei legni.

Di forma conica, è generalmente fatto di ebano (Dalbergia melanoxylon, noto anche come Grenadilla) o, meno frequentemente, di palissandro (Dalbergia nigra, chiamato spesso "legno di rosa" o "brazilian rosewood"). I tasti e la meccanica sono in metallo, generalmente alpacca argentata, nichelata o dorata.

L'oboe è utilizzato generalmente nella musica da camera, nelle bande o nelle orchestre sinfoniche, anche come solista; più raramente nel jazz. Tra i principali compositori che hanno scritto musica per lo strumento è possibile ricordare Antonio Vivaldi, Tomaso Albinoni, Johann Sebastian Bach, Alessandro Marcello, Georg Friedrich Händel, Wolfgang Amadeus Mozart, Robert Schumann, Richard Strauss.

Molto usato in orchestra, ha impiego anche nella musica da camera (quartetto per oboe e trio d'archi (violino, viola e violoncello) di Wolfgang Amadeus Mozart). L'utilizzo dell'oboe si è oggi diffuso anche nelle colonne sonore nonché nei brani di musica leggera come quelli proposti dal complesso strumentale Rondò Veneziano.

L'oboe ha un corpo conico con un'apertura un po' più pronunciata in prossimità della bocca dello strumento. A differenza che nel clarinetto e nel saxofono l'ancia dell'oboe è doppia. La sua imboccatura infatti assomiglia ad un pezzetto cannuccia schiacciata all'estremità che si inserisce nella bocca dell'esecutore.

oboe

Continuando a consultare accademiamusicale.biz, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.